Epicondiliti

L'epicondilite del gomito è una condizione dolorosa associata ad attività ripetitive di avambraccio e gomito. Sia l'epicondilite laterale, nota popolarmente come gomito del tennista, sia l'epicondilite mediale (nota invece come gomito del golfista) sono caratterizzate da dolore al gomito durante o dopo la flessione o estensione. L'articolazione del gomito è composta da tre ossa: l'omero, nel braccio, e ulna e radio nell'avambraccio. Nella parte inferiore dell'omero ci sono delle protuberanze osee, gli epicondili, appunto. Qui si attaccano i tendini estensori dell'avambraccio. Un danno a uno di questi muscoli o un indebolimento causato da un uso eccessivo e ripetitivo provoca microscopiche rotture nel tendine, con conseguente infiammazione e dolore. Giocare a tennis, così come molte altre attività sportive che causino una sollecitazione eccessiva di un gomito sono fattori di rischio per questa condizione. Gli atleti non sono, però, le uniche persone che possono soffrire di gomito del tennista. Sono a rischio pittori, musicisti, autisti ma anche cuochi: tutte professioni o hobby associate con movimenti ripetitivi del braccio. La maggior parte delle epicondiliti vengono trattate in modo non chirurgico con il riposo insieme a farmaci anti infiammatori, fisioterapia, onde d'urto, tutori. La necessità di un intervento chirurgico è residuale.