Diabete insipido

Anche se porta il nome di diabete, il diabete insipido non va confuso con il diabete (vedi diabete mellito; diabete mellito di tipo 1; diabete mellito di tipo 1 complicato; diabete mellito di tipo 2; diabete mellito di tipo 2 complicato).

Si tratta di malattia metabolica (fortunatamente piuttosto rara) dovuta a una mancata azione o insufficiente secrezione (o ancora a una ridotta sensibilità dei reni) dell'ormone antidiuretico. Questo ormone è conosciuto anche con la sua sigla (ADH) o come vasopressina e la sua funzione è stimolare, a livello renale, il riassorbimento dell'acqua bilanciando il meccanismo della diuresi. Quando si ha una mancata o insufficiente secrezione (o la ridotta sensibilità dei reni ad esso) ne consegue una maggiore produzione di urine (poliuria) e, sempre di conseguenza, aumentata sensazione di sete e quindi assunzione di liquidi (polidipsia). Il termine insipido deriva proprio da qui: le urine, molto abbondanti e diluite, sono “insipide” mentre nel diabete mellito, per la presenza in esse di zuccheri, sono “dolci”.

Quando la causa è la mancata o insufficiente secrezione dell'ormone antidiuretico (che viene prodotto dall'ipotalamo e dell'ipofisi posteriore) si parla di diabete insipido centrale, ADH-sensibile o neurogenico; quando invece la causa è la ridotta sensibilità dei reni all'azione dell’ADH si parla di diabete insipido nefrogenico o ADH-insensibile (“insensibile” in quanto la somministrazione di vasopressina non risolve il problema).

Il diabete insipido può anche essere dovuto a un tumore cerebrale la cui azione compromette la produzione di ADH. In questo caso la rimozione chirurgica del tumore è risolutiva, mentre diversamente si ricorre alla somministrazione di ormone antidiuretico o dei suoi analoghi (come la desmopressina). Anche i diuretici tiazidici (clortalidone e idroclorotiazide) sono utili in quanto riducono la quantità di urina escreta, così come i diuretici risparmiatori di potassio che assicurano all’organismo una quantità sufficiente di questo importante minerale.