Tiroidite di Hashimoto

La tiroide è una ghiandola endocrina situata alla base del collo che produce tre ormoni importanti per l’organismo: la triiodotironina (T3), la tiroxina (T4) e la calcitonina. Dai primi due ormoni dipende il metabolismo basale, ovvero l’energia minima necessaria all’organismo per svolgere le sue funzioni vitali; la calcitonina, invece, regola la concentrazione di calcio nel sangue.

Ipertiroidismo e ipotiroidismo (vedi anche Ipotiroidismo) sono le due più comuni patologie tiroidee, la prima legata nella maggior parte dei casi a un’eccessiva produzione ormonale da parte della tiroide, la seconda a un’inefficienza della ghiandola.

La prima causa di ipotiroidismo primario è la tiroidite di Hashimoto, una tiroidite cronica autoimmune in cui si ha positività degli autoanticorpi circolanti anti-tireoperossidasi (anti-TPO) e anti-tireoglobulina (anti-TG). Inizialmente, compaiono i sintomi dell’ipertiroidismo, ma la lieve iperfunzione si trasforma poi in un’ipofunzione cronica. Si hanno pertanto i sintomi tipici dell’ipotiroidismo:  aumento di peso, stanchezza, spossatezza e debolezza muscolare cronica (astenia), intolleranza al freddo, cardiopalmo, deficit di memoria, depressione, disturbi del ciclo mestruale nelle donne, riduzione della libido. Oltre ai sintomi del malfunzionamento della tiroide, possono esserci i sintomi derivanti dall’alterazione del sistema immunitario, tra cui dolori articolari e muscolari, disturbi della pelle, secchezza delle mucose, disturbi oculari.

La diagnosi viene posta mediante analisi del sangue, dosando i valori degli ormoni tiroidei liberi (FT3 e FT4), del TSH (l’ormone tireostimolante, o tireotropo, o tireotropina prodotto dall’ipofisi) e degli anticorpi anti-TPO e anti-TG. Utili anche l’ecografia della tiroide e la scintigrafia tiroidea.

Il trattamento si avvale della cosiddetta terapia “sostitutiva” che prevede l’assunzione quotidiana di un ormone tiroideo sintetico (levotiroxina) per tutta la vita. La levotiroxina riproduce artificialmente le funzioni della tiroide difettosa, ma perché agisca in modo adeguato la sua dose dovrà essere ben calibrata.