Emicrania

Un'emicrania è un mal di testa di moderata o grave entità avvertito come un dolore pulsante su un lato della testa. Molto spesso si associano sintomi quali nausea, vomito, sensibilità aumentata alla luce o al rumore. L'emicrania ha un'incidenza piuttosto elevata: ne soffrono una donna su cinque e un uomo su quindici. L'emicrania si differenzia in emicrania con aura – preceduta da specifici segnali di avvertimento, come la visione di luci lampeggianti – emicrania senz'aura, la più comune, e anche emicrania senza mal di testa, o silenziosa, dove si verificano aura o altri sintomi di emicrania, ma non si sviluppa il mal di testa. Alcune persone sono soggette a emicranie frequenti, anche più volte alla settimana, altre ne soffrono solo occasionalmente. Un soggetto che soffra di emicrania con aura ha dei sintomi di avvertimento, l'aura, appunto, con problemi visivi (lampeggiamenti, visione di motivi a zig zag o punti ciechi nel campo visivo), sensazione di vertigini o anche difficoltà a parlare. La causa definitiva dell'emicrania è sconosciuta, anche se si pensa sia associata a una attività cerebrale anomala che interessa temporaneamente i segnali nervosi e i vasi sanguigni del cervello. Sono stati individuati una serie di fattori scatenanti dell'emicrania, da quelli ormonali (emicranie legate al ciclo, ad esempio), a quelli emotivi (stress, ansia, tensione), fattori fisici (disturbi del sonno, problemi posturali, tensione muscolare sul collo), fino alla dieta (eccesso di alcool o caffè, irregolarità nei pasti) o ad alcuni farmaci. I fattori scatenanti possono essere, comunque, estremamente soggettivi. L'emicrania ha un forte impatto sulla qualità della vita: farsi seguire da uno specialista è necessario per trovare la terapia più adeguata. Numerosi farmaci possono trattare i sintomi, dagli antidolorifici, fino, nei casi più seri, i triptani. In casi più gravi, con l'accompagnamento di sintomi quali paralisi, afasia, convulsioni, un'emicrania può essere sintomo di condizioni più severe, come ictus o meningite.