Tendinopatie

Con il termine di Tendinopatie si intendono patologie dei tendini (questi sono insiemi di fibre attraverso le quali i muscoli fissano le loro estremità alle ossa). Si suddividono in peritendiniti e in tendinosi. Le prime sono causate dall’infiammazione della struttura nella quale scorre il tendine, mentre le seconde raggruppano affezioni del tendine caratterizzate dalla sua degenerazione. I tendini maggiormente interessati sono il tendine rotuleo e altri tendini flessori a livello del ginocchio, il tendine del muscolo tibiale posteriore e il tendine di Achille.

Le cause di Tendinopatie possono derivare per esempio dall’attività sportiva, dal sovraccarico sulla caviglia e sul piede, ma anche dall’età o dal sovrappeso.

Il dolore è il sintomo principale, da cui deriva impotenza funzionale, rigidità. Può esserci anche un aumento di volume nella zona interessata.

Per la diagnosi, oltre all’esame clinico, si ricorre a ecografie e risonanza magnetica.

Il trattamento è fondato sul riposo dall’attività sportiva (se è questa è la causa), sull’applicazione di ghiaccio e sull’uso di antinfiammatori e bendaggi. In taluni casi, particolarmente gravi, si può ricorrere alla chirurgia per rimuovere il tessuto infiammato e “pulire” l’apparato di scorrimento.