Effetti avversi da farmaci

Con il termine di reazioni avverse da farmaci (o ADR, dall’inglese Adverse Drug Reactions) ci si riferisce a tutti quegli effetti indesiderati (non voluti) e dannosi derivanti dall’utilizzo di un medicinale.

In realtà, reazioni avverse da farmaci, effetti collaterali ed eventi avversi, anche se spesso confusi tra loro e trattati indifferentemente, presentano differenze.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), allo scopo di uniformare il significato fra i vari Paesi, ha fornito le seguenti definizioni.

  • Effetto collaterale (side effect): qualsiasi effetto non intenzionale di un farmaco che insorga alle dosi normalmente impiegate nell'uomo e che sia connesso alle proprietà del farmaco (come può essere la sonnolenza da antistaminico). Gli elementi essenziali in questa definizione sono la natura farmacologica degli effetti, che il fenomeno non è intenzionale e che non vi sia palese sovradosaggio.
  • Evento avverso (adverse event): qualsiasi fenomeno clinico spiacevole che si presenta durante un trattamento con un farmaco, ma che non abbia necessariamente un rapporto di causalità (o di relazione) con il trattamento stesso (il punto fondamentale è la coincidenza nel tempo senza alcun sospetto di una relazione causale).
  • Reazione avversa (adverse reaction): una risposta a un farmaco che sia nociva e non intenzionale e che avvenga alle dosi normalmente usate nell'uomo. In questa definizione sono importanti perciò i fattori individuali. Si distingue poi anche la reazione avversa inaspettata: “una reazione avversa, la cui natura o severità non è in accordo con quanto riportato sul foglietto illustrativo e con l'autorizzazione rilasciata per la sua commercializzazione, o inaspettata in base alle caratteristiche del farmaco”. L'elemento essenziale in questa definizione è il fatto che l'evento è ignoto.

Le reazioni avverse da farmaci, sostanzialmente, sono legate a:

  • dosaggio;
  • allergie (vedi Allergia da farmaci);
  • idiosincrasie (ipersensibilità a sostanze di vario tipo che emerge in seguito al primo contatto con esse).

A seconda della reazione sarà necessario rimodulare il dosaggio piuttosto che sospendere/interrompere del tutto il trattamento e attuare le cure del caso.